Ritardo Mentale

Terapia Cognitivo-Comportamentale (TCC) e ritardo mentale

Definizione di Menomazione, Disabilità, Handicap, Gravità (Icdh 1980). Definizione dei ritardi e Terapia Cognitivo-Comportamentale.

MENOMAZIONE

Danno o anormalità di una struttura del corpo o di una funzione fisiologica o psicologica (livello corporeo).

DISABILITA’

Espressione fenomenologica del danno. Perdita o riduzione di funzioni specifiche derivanti da un danno o menomazione (livello personale).

HANDICAP

Fenomeno sociale derivante da una disabilità psico-fisica che esprime una discordanza tra le capacità dell’individuo e le aspettative dell’ambiente, risultato dall’incontro tra la disabilità dell’individuo e le richieste ambientali dei principali ecosistemi (livello sociale).

GRAVITA’

Tale concetto va tradotto secondo i parametri sopraindicati e cioè in relazione a:

  • richieste ambientali,
  • condizioni sociali,
  • modello di sviluppo socio-culturale.

CLASSIFICAZIONE DEL RITARDO MENTALE (R.M.) IN FUNZIONE DEL QUOZIENTE INTELLETTIVO (Q.I.) (ICD10)

  • Ritardo Mentale lieve: Q.I. da 50-55 a circa 70
  • Ritardo Mentale moderato: Q.I. da 35-40 a 50-55
  • Ritardo Mentale grave: Q.I. da 20-25 a 35-40
  • Ritardo Mentale gravissimo: Q.I. sotto a 20-25
  • Ritardo Mentale con gravità non specificata: può essere usato quando c’è forte motivo di supporre un ritardo mentale, ma il Q.I. non è valutabile (individui troppo compromessi, non collaborativi o nella prima infanzia)

La terapia cognitivo-comportamentale ha una lunga e valida tradizione, volta all’elaborazione di interventi specifici per abilitare le persone con disabilità mentale; tali supporti individualizzati vanno intesi come le strategie e le risorse necessarie a promuovere sviluppo, educazione, interessi e benessere nella persona con disabilità.

Le competenze personali e di adattamento si basano su:

  • Valutazione di 3 forme di intelligenza: concettuale, sociale, pratica;
  • Identificazione di 3 fattori di comportamento adattivo (concettuale, sociale, pratico) che si manifestano in tre tipi di abilità di comportamento adattivo:
  • abilità concettuali(abilità cognitive, comunicative, scolastiche, integranti);
  • abilità sociali (competenze sociali, interpersonali, responsabilità, ecc.);
  • abilità pratiche (abilità di indipendenza nella vita quotidiana, competenze fisiche e motorie).

Per ciascuna delle sopra individuate aree vengono elaborati interventi educativi personalizzati, fondati sulle abilità già in possesso della persona, al fine di permetterle di impararne altre più complesse, sempre nell’intento di renderla il più possibile autonoma e attiva.

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin
Pin It

 

Istituto Miller - Istituto e Scuola di Psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale
P.IVA 03378710101 - Tel. +39 010 5707062 - Fax +39 010 8680904 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Built with HTML5 and CSS3 Copyright © 2014 Made In Magic, Web Agency Milano

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.