Il Miller Work: la Psicologia del Lavoro

Miller Work - Benessere clinico e organizzativo nel lavoro

Prof. Emilio Franceschina

Dal benessere clinico al benessere organizzativo

Nascita ed evoluzione dell'Istituto Miller

L’Istituto Miller è sorto a Genova nel 1977 come istituto di formazione, ricerca ed attività clinica nell’ambito della Psicologia e della Psicoterapia Cognitivo Comportamentale. La contestuale affiliazione all’Associazione Italiana di Analisi e Modificazione del Comportamento e Terapia Comportamentale e Cognitiva (AIAMC) ha permesso un suo immediato inserimento in un gruppo di scuole capaci di fornire servizi di prim’ordine in questi settori e di creare una molteplicità di eventi che nel corso di questi 40 anni hanno coinvolto vasti settori istituzionali, socio-sanitari e accademici, pubblici e privati, non solo di Genova e della Liguria, ma anche a livello nazionale, contribuendo alla formazione di centinaia di professionisti che operano attualmente nei settori più disparati del variegato panorama psicologico, socio-sanitario ed educativo.

Il nostro Istituto ha preso quindi avvio dal mondo della formazione clinica e dagli interventi psicologico-clinici e psicoterapeutici rivolti a tutte le fasce d’età. Formare Psicoterapeuti Cognitivo Comportamentali è stato il nostro primo obiettivo e la prima sfida, una sfida che dura da molti anni e che si è dimostrata vincente, tanto che l’Istituto Miller vanta da tempo anche un secondo corso di formazione in psicoterapia riconosciuto da Miur, presso la prestigiosa sede di Firenze.

Dalla formazione alla Psicologia del Lavoro

La volontà di estendere l’attività dell’Istituto Miller al settore della psicologia del lavoro costituisce, innanzitutto, la formalizzazione di un interesse per l’adattamento psicologico che già in passato ha guardato ripetutamente al mondo delle organizzazioni e a quello dell’occupazione.

La nostra esperienza pluridecennale ha riguardato più volte la promozione del benessere psicologico nei gruppi di lavoro, la formazione del personale nei reparti socio-sanitari, nel personale scolastico, nel personale maggiormente sottoposto a fattori stressanti, come ad esempio le cosiddette professioni d’aiuto. La nostra attenzione ha avuto così modo più volte di indirizzarsi ai temi più vicini al nostro target quotidiano, quelli in cui sono implicati anche aspetti psicologico-clinici, come il burnout, il mobbing, lo stress, le abilità sociali e comunicative, lo stress management.

Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni

Miller work- stress lavoro e PsicoterapiaNel nostro progetto orientato alle organizzazioni intendiamo inoltre coinvolgere e porre al centro della nostra attenzione il soggetto lavoratore, che non per nulla è definito “risorsa”. La gestione ottimale delle risorse umane è per le organizzazioni la vera e propria linfa vitale.

L’abituale dialettica, spesso caustica, tra ragioni, bisogni e prerogative di parti tra loro inevitabilmente contrapposte, nel mondo del lavoro moderno dovrebbe essere progressivamente superata. Le società moderne hanno necessità di trovare dei punti di equilibrio condivisi basati il più possibile su aspetti motivazionali e partecipativi, sulle opportunità di realizzazione, sulla attenzione al dato comunicativo e sulla trasparenza.

Contribuire alla risoluzione di conflitti è possibile, investendo sulla abilitazione degli interlocutori, al fine di poter disporre di quegli strumenti psicologici (ossia conoscitivi, relazionali, comunicativi, espressivi, motivazionali, ecc.), atti a facilitare un concreto piano di intesa sull’agire comune all’interno della struttura organizzativa.

Il focus di questi interventi verte pertanto sulla “abilitazione” del soggetto lavoratore, mirata a migliorare attivamente la sua capacità di interagire consapevolmente con l’ambiente-lavoro, e contemporaneamente sulla “abilitazione” dell’interlocutore-azienda, affinché possa contare su tutti quegli strumenti psicologici, relazionali e comunicativi che permettano di agire sempre più efficacemente, specie sul piano motivazionale, nei confronti delle sue risorse.

Le funzioni del Miller Work

Miller work- stress lavoro, applicazione della Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Il Miller Work costituisce una struttura interna all’Istituto Miller che ha la funzione primaria di promuovere ed attuare attività formative, applicative, di studio e di ricerca nell’ambito della psicologia del lavoro e delle organizzazioni.

L’attività del Miller Work ha il duplice obiettivo di ampliare da un lato formalmente le competenze dell’Istituto al settore della psicologia del lavoro e delle organizzazioni (innanzitutto dal punto di vista delle conoscenze, della pubblicistica e della formazione), dall’altro di agire attivamente in tale ambito, proponendo alle aziende attività di consulenza e formazione del personale, con particolare – ma non esclusivo – riferimento al contesto dello stress lavoro-correlato.

Parimenti, la medesima struttura intende fornire ai lavoratori attività clinico-diagnostiche, psicoterapeutiche, di counseling e di formazione, sia relativamente all’ambito lavorativo, sia per quanto riguarda le problematiche presenti a livello personale o familiare, talune delle quali possono avere anche importanti ricadute a livello lavorativo e professionale.

Al Miller Work spettano le seguenti funzioni:

  1. Sviluppare ed ampliare specifiche competenze nell’ambito della psicologia del lavoro in coloro che operano all’interno di tale struttura interna, attraverso attività di studio, aggiornamento, condivisione delle fonti di informazione e formazione;
  2. Progettare e contribuire alla produzione di eventi formativi nel contesto della psicologia del lavoro e delle organizzazioni, sia utilizzando le risorse interne al Miller Work, sia attraverso il coinvolgimento di esperti esterni;
  3. Condurre interventi nelle aziende di tipo formativo ed applicativo, con particolare riferimento all’orientamento, alla selezione del personale, alla valutazione del clima organizzativo, alla valutazione dello stress lavoro correlato, nonché a tutte le tipologie di interventi mirati a favorire il benessere psicosociale in azienda, a migliorare la gestione delle risorse umane, a contribuire al miglioramento degli aspetti organizzativi;
  4. Svolgere attività di consulenza, peritale, diagnostica, di supporto psicologico e psicoterapeutica indirizzata a soggetti che riportano problematiche nel contesto del lavoro, attraverso convenzioni stipulate con enti o organizzazioni, o rivolte ai singoli lavoratori;
  5. Identificare aziende, enti, organizzazioni, ecc. presso cui promuovere attività di consulenza relativamente a tematiche di ricerca, studio statistico, valutazione dello stress, interventi psicologici e comportamentali, ecc.;
  6. Individuare gli strumenti più idonei alla attività di valutazione ed intervento e svilupparne di nuovi da proporre sotto le insegne dell’Istituto Miller;
  7. Vagliare accuratamente la presenza, in letteratura ed in rete, di fonti, strumenti e metodi impiegabili a scopi di indagine, di ricerca, di studio, di valutazione ed intervento nel campo della psicologia del lavoro.

Il contributo della Psicologia Cognitivo Comportamentale alla psicologia del lavoro e delle organizzazioni

Lo Psicologo Cognitivo Comportamentale è storicamente tra quelli maggiormente apprezzati quando si trova ad operare nel contesto organizzativo. Il motivo è presto detto. Gli Psicologi con questa formazione hanno alle loro radici l’Applied Behavior Analysis (ABA), sono cioè innanzitutto degli analisti del comportamento. Questo fa di loro non solo dei pragmatici (per questo molto apprezzati dagli altrettanto pragmatici committenti aziendali), ma anche dei metodologi rigorosi che non perdono mai di vista la necessità di oggettivare i dati raccolti, al fine di fornire una documentazione non solo estremamente chiara, ma anche fortemente orientata a presentare oggettivamente gli elementi critici individuati quali altrettanti problemi da risolvere concretamente.

Miller Work - Stress lavoro benefici della Psicoterapia Cognitivo ComportamentaleDa questo punto di vista, l’Istituto Miller, come detto associato all’AIAMC, non teme confronti. Gli istituti facenti parte di questa associazione sono anche affiliati ad ABA International, un importante organismo internazionale che certifica i suoi membri – una volta debitamente formati – quali analisti del comportamento, ovvero in possesso dei requisiti per operare con metodologie riconosciute universalmente quali evidence-based, cioè scientificamente dimostrate.

Gli Psicologi Cognitivo Comportamentali sono poi in possesso di ulteriori competenze, dato che la formazione CBT (ossia propria della Terapia Cognitivo Comportamentale) si è ulteriormente estesa negli ultimi decenni, fornendo ai professionisti un ampio ventaglio di metodiche evidence-based, sia in ambito cognitivista e dello Human Information Processing (in tali ambiti si sono sviluppati molti dei training che vengono impiegati anche in ambito aziendale ed organizzativo), sia nell’ampio panorama di quelle che sono definite le metodiche di “terza generazione”, molto apprezzate non solo nel contesto clinico, ma anche per l’efficacia sui gruppi nella riduzione dei conflitti e nella gestione dello stress.

Tags: Miller Work

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin
Pin It

 

Istituto Miller - Istituto e Scuola di Psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale
P.IVA 03378710101 - Tel. +39 010 5707062 - Fax +39 010 8680904 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Built with HTML5 and CSS3 Copyright © 2014 Made In Magic, Web Agency Milano

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.