Omosessualità e pratiche BDSM

Omosessualità e diffusione delle pratiche BDSM

dott.ssa Greta Del Taglia

La diffusione delle pratiche BDSM

Le ragioni per cui le pratiche BDSM risultano così eccitanti variano da persona a persona. Ne avevamo già parlato nell'articolo su Pratiche BDSM e Financial Domination.

Per alcuni, il ruolo di sottomissione o passività durante l'attività sessuale rappresenta una forma di fuga dalla realtà; un allontanamento da stress, responsabilità, o dagli impegni di vita quotidiana.

Per altri, essere sotto il potere di una presenza forte e controllante può evocare sentimenti di sicurezza e protezione associati all'infanzia.

La letteratura suggerisce che alcune esperienze durante il primo sviluppo sessuale possono influenzare profondamente lo sviluppo della sessualità in età adulta.

Tuttavia, i desideri sadomasochistici sembrerebbero formarsi in periodi di vita diversi: alcuni riportano di aver sviluppato tali inclinazioni prima della pubertà, mentre altri in tarda età.

Le pratiche BDSM si possono ritrovare in tutti gli strati sociali e sono comuni sia tra eterosessuali che omosessuali.

Sadismo e masochismo sessuale: differenze tra omosessuali ed eterosessuali

Omosessualità e diffusione delle pratiche BDSMA livello demografico, Nordling e altri ricercatori (2006) non hanno dimostrato significative differenze fra omosessuali ed eterosessuali, ma si è visto che il 43% degli omosessuali era di formazione universitaria, diversamente dal 29% degli etero.

Inoltre, gli omosessuali tendevano a percepire stipendi alti e ricoprire posizioni lavorative importanti, mentre gli etero avevano mansioni manuali.

Le donne, vista la numerosità inferiore (22%), non consentirono una valutazione in merito.

A livello di pratica sessuale, lo studio di Nordling ha potuto dimostrare che gli omosessuali sono consapevoli delle loro preferenze di tipo sadomasochistico, e hanno iniziato a praticarle in giovane età.

I ricercatori sono riusciti ad identificare 4 tematiche sessuali diverse:

  1. L'iper-virilità;
  2. Il dare e il ricevere dolore;
  3. Le restrizioni fisiche (bondage);
  4. L'umiliazione psicologica.

Da questo studio emerge che gli omosessuali preferiscono pratiche BDSM basate su attività virili, mentre gli eterosessuali dimostrano maggior preferenza per le attività umilianti.

Per questa ragione, sia le pratiche SM (sadismo e masochismo sessuale) sia le pratiche BD (bondage domination) non possono essere considerate un fenomeno omogeneo. Chi si identifica in queste pratiche conferisce significati diversi a tali identificazioni.

Nel caso della bisessualità

Omosessualità e diffusione delle pratiche BDSM - bisessualitàBrandy Lin Simula (2012) afferma che il BDSM non contempla l'identità di genere e chi lo pratica tende ad identificarsi in 3 diverse tipologie di bisessualità:

  1. Gender-switching (l'inversione dei ruoli);
  2. Gender-based styles (interpretare un diverso stile di genere, a seconda del genere del partner);
  3. Rejection of gender (rifiutare l'idea che il genere del partner conti).

Secondo alcuni, il BDSM e le perversioni offrirebbero la possibilità di creare identità che sono fluide, in continuo cambiamento.

Attuali raccomandazioni per i clinici

La disinformazione fra i professionisti della salute mentale potrebbe portare a considerare il BDSM una patologia psichiatrica. Secondo Kolmes (2006), vi sono alcuni principali errori commessi dai clinici nel considerare e nel dare assistenza a coloro che praticano il BDSM, come ad esempio:

  • Considerare le pratiche BDSM non salutari;
  • Suggerire al cliente di abbandonare queste pratiche per poter continuare il trattamento;
  • Confondere le pratiche con l'abuso;
  • Pensare che queste pratiche siano indicative di un passato con famiglie/partner abusanti;
  • I clinici si considerano esperti semplicemente dicendo di essere pro-BDSM quando in realtà non sono a conoscenza delle pratiche BDSM.

I clinici dovrebbero essere educati su tali aspetti, ad allargare le loro prospettive, a sentirsi a loro agio nel parlare di problematiche BDSM, a comprendere e promuovere un “sano, sicuro e consensuale” BDSM.

Bibliografia

  • J Homosex. 2006;50(2-3):301-24. - Investigating bias in psychotherapy with BDSM clients. Kolmes K1, Stock W, Moser C.
  • Does Bisexuality ‘Undo’ Gender? Gender, Sexuality, and Bisexual Behavior Among BDSM Participants.
    Article: Oct 2012 -Journal of Bisexuality.
  • Differences and Similarities Between Gay and Straight Individuals Involved in the Sadomasochistic Subculture
    Niklas Nordling MPsych , N. Kenneth Sandnabba PhD , Pekka Santtila PhD & Laurence Alison PhD;
  • Journal of Homosexuality Volume 50, 2006 - Issue 2-3.

Istituto Miller e la Sessuologia Clinica

locandina Master in Sessuologia Clinica Base e Avanzato - Genova 2018/19

L'Istituto Miller ha organizzato con la direzione scientifica della Dr.ssa Paola Orifiammi - Psicologa e Psicoterapeuta, il Master in Sessuologia Clinica, nella sede di Genova, da ottobre 2018.

La sessuologia è una parte della Psicologia sulla quale, proprio per la sua particolare area di intervento, convergono non solo diverse scuole di Psicologia, ma anche molte teorie filosofiche e diverse discipline, mediche, sociali ed antropologiche.

Una importante finalità dei due corsi, accanto alla preparazione teorica e tecnica, è quella di formare psicoterapeuti in grado di fornire un aiuto terapeutico adeguato a far fronte a richieste d’aiuto, a volte molto particolari, spesso presenti in ambito sessuologico. Altrettanto importante è imparare a riconoscere ed a fronteggiare le particolari reazioni emotive e culturali emergenti da tale relazione terapeutica.

Altre informazioni sul Master in Sessuologia Clinica Base e Avanzato

Ulteriori dettagli sul Master in Sessuologia Clinica Base e Avanzato si trovano:

Per ogni altro dubbio o necessità vi invitiamo a prendere contatto con la nostra segreteria, per cui vi rimandiamo alla pagina dei contatti.

Tags: Approfondimenti, Disturbi sessuali, Sessuologia clinica

 

Istituto Miller - Istituto di Psicologia
Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

P.IVA 03378710101 - Tel. +39 010 5707062 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© 2014-2018 All rights reserved - Realizzazione sito Web di Made In Magic, Web Agency Milano