Effetti dell’eiaculazione notturna precoce nei giovani coreani

Effetti dell’eiaculazione notturna precoce sul comportamento sessuale di adolescenti coreani

Riccardo Bettin 

Il comportamento sessuale degli adolescenti coreani

Un gruppo di ricerca coreano ha condotto uno studio su una popolazione maschile di adolescenti connazionali allo scopo di studiare la relazione tra l’inizio precoce della pubertà (definito come l’inizio dell’eiaculazione notturna) e i comportamenti sessuali rischiosi unitamente al consumo di alcol, di tabacco e di sostanze (Lee, Yang, Chueh, Park, & Yoo, 2017).

Sullo stesso argomento esistono diversi studi che hanno coinvolto la popolazione femminile (stabilendo l’inizio della pubertà con l’arrivo del ciclo mestruale), ma quelli maschili sono ancora pochi, considerata la difficoltà nel determinare con precisione l’inizio di questa fase.

Nello studio analizzato sono state scelte 800 scuole per un totale di 74.167 adolescenti; 72.060 hanno partecipato alla compilazione di un questionario. Per ridurre la deviazione standard, le scuole sono state classificate e riclassificate in base al luogo, alla popolazione e alle statistiche dell’uso di alcolici e di sigarette e sono state divise per grado (scuole medie, superiori generali e superiori specializzate).

Nello studio sono stati inclusi i ragazzi di 17/18 anni ed esclusi gli assenti a lungo termine, quelli con disabilità e quelli con diagnosi di dislessia.
I partecipanti finali sono stati 17.907; 10.326 ragazzi hanno risposto che avevano sperimentato l’eiaculazione notturna.

L’indagine è stata condotta al computer durante l’ora di informatica: i computer sono stati assegnati casualmente a ogni studente, i quali hanno compilato il questionario in forma anonima.

Gli adolescenti sono stati divisi in due gruppi: “pubertà precoce”, coloro che hanno sperimentato l’eiaculazione prima dei 10 anni, e “pubertà normale”, coloro che hanno sperimentato l’eiaculazione dagli 11 anni in avanti.

I due gruppi sono poi stati confrontati per quanto riguarda il consumo di alcol, di tabacco (sigarette), l’uso di sostanze e comportamenti sessuali (ad esempio aver avuto rapporti sessuali a partire dalla scuola elementare e aver avuto una malattia sessualmente trasmissibile).

I gruppi sono stati analizzati anche in funzione dello stato socio-economico, considerando come criteri la convivenza con entrambi i genitori, l’istruzione dei genitori, lo status economico della famiglia e le prestazioni accademiche.

Dei 10.326 partecipanti che hanno sperimentato l’eiaculazione notturna, 595 sono andati a costituire il gruppo di “pubertà precoce” e 9.731 il gruppo di “pubertà normale”. Tra i due gruppi non si sono riscontrate differenze significative in termini di status socio-economico, eccetto che per la convivenza con entrambi i genitori: gli adolescenti nel gruppo “pubertà precoce” più spesso vivono con un solo genitore.

Effetti dell’eiaculazione notturna precoce sul comportamento sessuale di adolescenti coreaniL’eiaculazione notturna precoce, invece, ha mostrato una correlazione positiva con il debutto sessuale all'età della scuola elementare e aver avuto una malattia sessualmente trasmissibile.

I risultati di questa ricerca mostrano, in accordo con una ricerca sull’età di insorgenza del ciclo nelle ragazze, che vivere con un solo genitore può anticipare l’entrata in pubertà e l’ipotesi è che questo sia dovuto a fattori ormonali e di stress.

Tra i ragazzi del gruppo “eiaculazione precoce” una percentuale maggiore ha avuto rapporti sessuali in età precoce, in accordo con uno studio condotto in Svezia; compare, inoltre, una correlazione positiva con l’aver avuto una malattia sessuale trasmessa.

Non è stato possibile esaminare i motivi della relazione tra eiaculazione precoce e l’assunzione di rischi sessuali; si può, però, ipotizzare che sia dovuta alla differenza tra sviluppo fisico e maturità sociale, responsabilità sociale e indipendenza, soprattutto se consideriamo anche che l’istruzione formale e le discussioni con i genitori su questi argomenti sono “in ritardo” se non viene percepita la precocità della pubertà.

In Corea, infatti, l’educazione sessuale viene proposta ai ragazzi di circa 12 anni; il motivo del maggior contagio di malattie sessuale in coloro che hanno avuto una pubertà precoce, può essere quindi dovuto a una insufficienza di conoscenze e informazioni sui metodi contraccettivi e di prevenzione delle malattie.

Per quanto riguarda il maggior rischio di uso di alcool, tabacco e sostanze tra gli adolescenti con ingresso precoce in pubertà, ciò può essere dovuto al fatto che un adolescente che sperimenti una maturazione sessuale precoce tenda a socializzare con adolescenti più grandi e può, quindi, esserci una maggior probabilità che venga esposto a questo genere di esperienze.

Effetti dell’eiaculazione notturna precoce sul comportamento sessuale di adolescenti coreaniUna seconda ipotesi è quella della “disparità maturazionale”: i giovani sessualmente maturi non necessariamente dispongono di sufficiente maturità sociale e cognitiva tale da poter far fronte ai cambiamenti fisici; essi, quindi, potrebbero non avere la capacità di controllare l’effetto delle loro emozioni immature e il loro comportamento, spingendosi all’uso di sostanze come tentativo disfunzionale di alleviare questa difficoltà.

Purtroppo i risultati di questo studio non possono essere generalizzati a causa di alcuni limiti della ricerca, quali ad esempio l’utilizzo di questionari self report.

Inoltre, come misura di maturità sessuale, è stato utilizzato l’inizio dell’eiaculazione notturna; una misura più precisa si sarebbe potuta avere tramite visite specialistiche eseguite da un esperto o da marker biochimici oggettivi, come ad esempio il testosterone. Adolescenti con tasso di masturbazione elevato, inoltre, potrebbero non avere eiaculazione notturna, rischiando di essere stati esclusi dal gruppo “pubertà precoce.

In conclusione, considerato che lo studio ha mostrato una correlazione positiva tra l’eiaculazione precoce, debutto sessuale all'età della scuola elementare e aver contratto una malattia sessualmente trasmissibile, sarebbe utile un’educazione sessuale più specifica e anticipata per contribuire a proteggere dall’esposizione sessuale inappropriata gli adolescenti con maturità sessuale precoce, aiutandoli così a mettere in atto comportamenti più adeguati.

Istituto Miller e la Sessuologia Clinica

locandina Master in Sessuologia Clinica Base e Avanzato - Genova 2018/19

L'Istituto Miller ha organizzato con la direzione scientifica della Dr.ssa Paola Orifiammi - Psicologa e Psicoterapeuta, il Master in Sessuologia Clinica, nella sede di Genova, da ottobre 2018.

La sessuologia è una parte della Psicologia sulla quale, proprio per la sua particolare area di intervento, convergono non solo diverse scuole di Psicologia, ma anche molte teorie filosofiche e diverse discipline, mediche, sociali ed antropologiche.

Una importante finalità dei due corsi, accanto alla preparazione teorica e tecnica, è quella di formare psicoterapeuti in grado di fornire un aiuto terapeutico adeguato a far fronte a richieste d’aiuto, a volte molto particolari, spesso presenti in ambito sessuologico. Altrettanto importante è imparare a riconoscere ed a fronteggiare le particolari reazioni emotive e culturali emergenti da tale relazione terapeutica.

Altre informazioni sul Master in Sessuologia Clinica Base e Avanzato

Ulteriori dettagli sul Master in Sessuologia Clinica Base e Avanzato si trovano:

Per ogni altro dubbio o necessità vi invitiamo a prendere contatto con la nostra segreteria, per cui vi rimandiamo alla pagina dei contatti.

Bibliografia

    • Lee, M. J., Yang, G. E., Chueh, H. W., Park, J. H., & Yoo, J. H. (2017). The effect of first nocturnal ejaculation timing on risk and sexual behaviors of Korean male adolescents. Annals of pediatric endocrinology & metabolism, 22(1), 43-48. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5401821/#B2
    • Downing J, Bellis MA. Early pubertal onset and its relationship with sexual risk taking, substance use and antisocial behaviour: a preliminary cross-sectional study. BMC Public Health. 2009;9:446.
    • Kliegman RM, Stanton B, St. Geme J, Schor N, Behrman RE. Nelson textbook of pediatrics. 20th ed. Philadelphia: Elsevier Saunders; 2016.
    • Pubertal maturation and the development of alcohol use and abuse.
      Costello EJ, Sung M, Worthman C, Angold A
      Drug Alcohol Depend. 2007 Apr; 88 Suppl 1():S50-9.
    • Pubertal timing and substance use in middle adolescence: a 2-year follow-up study.
      Kaltiala-Heino R, Koivisto AM, Marttunen M, Fröjd S
      J Youth Adolesc. 2011 Oct; 40(10):1288-301.
    • Early pubertal onset and its relationship with sexual risk taking, substance use and anti-social behaviour: a preliminary cross-sectional study.
      Downing J, Bellis MA
      BMC Public Health. 2009 Dec 3; 9():446.
    • Surbey MK. Family composition, stress, and the timing of human menarche. In: Ziegler TE, Bercovitch FB, editors. Socioendocrinology of primate reproduction. New York: Willey-Liss; 1990. pp. 11–32.
    • Park MJ. Recent advance in pathogenesis and treatment of precocious puberty. Dev Reprod. 2006;10:215–225.
    • Sexual behaviour and early coitarche in a national sample of 17-year-old Swedish boys.
      Edgardh K
      Acta Paediatr. 2002; 91(9):985-91.
    • Sexual behaviour and early coitarche in a national sample of 17-year-old Swedish boys.
      Edgardh K
      Acta Paediatr. 2002; 91(9):985-91.
    • Adults at 12? Trends in puberty and their public health consequences.
      Bellis MA, Downing J, Ashton JR
      J Epidemiol Community Health. 2006 Nov; 60(11):910-1.
    • Pubertal timing and substance use in middle adolescence: a 2-year follow-up study.
      Kaltiala-Heino R, Koivisto AM, Marttunen M, Fröjd S
      J Youth Adolesc. 2011 Oct; 40(10):1288-301.
    • Initiation of substance use in early adolescence: the roles of pubertal timing and emotional distress.
      Tschann JM, Adler NE, Irwin CE Jr, Millstein SG, Turner RA, Kegeles SM
      Health Psychol. 1994 Jul; 13(4):326-33.
    • Gender differences in pubertal timing, social competence, and cigarette use: a test of the early maturation hypothesis.
      Westling E, Andrews JA, Peterson M
      J Adolesc Health. 2012 Aug; 51(2):150-5.
    • Coping with social stress: implications for psychopathology in young adolescent girls.
      Sontag LM, Graber JA, Brooks-Gunn J, Warren MP
      J Abnorm Child Psychol. 2008 Nov; 36(8):1159-74.
    • Explaining the longitudinal association between puberty and depression: sex differences in the mediating effects of peer stress.
      Conley CS, Rudolph KD, Bryant FB
      Dev Psychopathol. 2012 May; 24(2):691-701.

Tags: Approfondimenti, Disturbi sessuali, Età Evolutiva, Sessuologia clinica

 

Istituto Miller - Istituto di Psicologia
Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

P.IVA 03378710101 - Tel. +39 010 5707062 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© 2014-2018 All rights reserved - Realizzazione sito Web di Made In Magic, Web Agency Milano