Disturbo post traumatico da stress e reparti di emergenza

Disturbo post-traumatico da stress e il personale medico

Alice Favero

Il Disturbo Post-Traumatico da Stress (DPTS)

Il disturbo da stress post-traumatico (DPTS o PTSD in inglese) è caratterizzato da un’intensa risposta a un grave evento stressante, che comporta un notevole aumento dell’ansia, ricordi ricorrenti dell’evento traumatico, emozioni e pensieri negativi, evitamento degli stimoli associati al trauma e sintomi di elevata attivazione fisiologica.

Il trauma è definito "grave" quando si tratta di un evento a cui una persona assiste o è direttamente coinvolta e implica morte o pericolo di morte, lesioni gravi o violenze sessuali.

Il DSM-5 (APA, 2013) ha recentemente riconosciuto come fattore di rischio per il disturbo da stress post-traumatico l’essere impiegati e coinvolti nel primo soccorso e nelle emergenze in ambito ospedaliero.

Ciononostante, la letteratura e la ricerca scientifica a riguardo non è ancora sufficiente.

Uno studio sul personale dei reparti ospedalieri di emergenza

Claudia Carmassi e colleghi (2018) hanno condotto uno studio riguardo questo tema. L’assunto da cui parte tale ricerca è che il personale che opera nei servizi ospedalieri di emergenza, come medici, paramedici, infermieri e assistenti sanitari, è ad alto rischio di DPTS.

Lavorare in quegli ambienti, infatti, può essere difficile a causa di diversi motivi, come la frequente imprevedibilità dei casi affrontati o il doversi occupare della fase acuta di disturbi, danni fisici, malattie, spesso di fronte alle aspettative dei pazienti e delle loro famiglie.

Lo scopo dello studio (2018) è stato quello di valutare i sintomi del DPTS di infermieri e assistenti sanitari assunti in reparti di emergenza dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana (AOUP).

Infermieri, assistenti sanitari e test somministrati

A questo scopo, è stato preso un campione di 42 soggetti: 32 infermieri e 10 assistenti sanitari; tra questi: 13 soggetti su 42 erano di sesso maschile, 22 avevano un’età inferiore ai 40 anni e 25 erano laureati. I medici sono stati esclusi dal campionamento poiché ricoprono più ruoli all’interno dell’ospedale e i ricercatori volevano valutare i sintomi del DPTS in un campione più selezionato, che si occupasse solo di primo soccorso e di emergenze.

Il disturbo post traumatico da stress e i reparti di emergenza ospedalieriI soggetti sono stati sottoposti a test self-report immediatamente prima o dopo il loro orario di lavoro. La batteria di test comprendeva: il “Trauma and Loss Spectrum-Self-Report” (TALS-SR) per la valutazione dei sintomi del DPTS sviluppati dopo l’esposizione a traumi sul posto di lavoro e la “Work and Social Adjustment Scale” (WSAS) per la valutazione del lavoro e del funzionamento sociale.

Il TALS-SR comprende 116 item che valutano l’esperienza di perdite e\o eventi traumatici, i sintomi ad essi correlati e i comportamenti e le caratteristiche che possono rappresentare manifestazioni o fattori di rischio per lo sviluppo del DPTS.

Lo strumento è organizzato in nove domini rappresentativi del disturbo, fra i quali compaiono: reazioni a perdite o eventi sconvolgenti, rivivere l’evento traumatico, coping maladattivo, evitamento e intorpidimento.

Le risposte agli item sono codificate in modo dicotomico (sì/no) e i punteggi sono ottenuti calcolando il numero di risposte positive.

La WSAS, invece, comprende 5 item che valutano la capacità dell’individuo di svolgere le attività della vita quotidiana e riguardano rispettivamente:

  • La capacità lavorativa del soggetto;
  • La capacità di fare faccende domestiche (pulizia della casa, cura dei bambini, etc.);
  • Lo svolgimento di attività ricreative private (leggere, andare al cinema, etc.);
  • Lo svolgimento di attività sociali che riguardino persone che non fanno parte della famiglia;
  • Lo svolgimento di attività sociali intraprese esclusivamente coi familiari (e quanto il problema del soggetto ha interferito su queste).

Ogni individuo doveva rispondere riferendosi alla settimana precedente alla valutazione e considerando i sintomi causati dall’esposizione a eventi traumatici avvenuti durante l’attività lavorativa al pronto soccorso dell’AOUP.

Ogni item è valutato da una scala che va da 0 (non del tutto) a 8 (grave interferenza).

Risultati della ricerca sul DPTS nei reparti d'emergenza

Disturbo post-traumatico di stress è il personale medicoDai risultati dello studio (2018) emerge che 9 soggetti, fra assistenti sanitari, donne, anziani e non laureati, hanno soddisfatto i criteri del DSM-5 per la diagnosi del DPTS con percentuali più elevate, anche se non in modo davvero significativo.

Dal confronto fatto fra le diverse reazioni acute a perdite o eventi traumatici di più sottogruppi, nel TALS-SR emerge che assistenti sanitari, anziani e non laureati hanno punteggi statisticamente più significativi rispetto agli altri (per esempio, la media dei laureati era 4,04 e quella dei non laureati 6,65).

I risultati di questo studio (2018) confermano la crescente letteratura che evidenzia come le persone impiegate in reparti ospedalieri di emergenza affrontino una frequente esposizione a eventi potenzialmente traumatici con il conseguente rischio di DPTS.

DPTS maggiore nelle donne con basso livello di formazione

Inoltre, la ricerca (2018) riconosce il genere femminile come un fattore di rischio per il DPTS, ma evidenzia anche il fatto che la differenza di genere può essere abbassata considerando contemporaneamente anche il livello di formazione professionale conseguito.

Le donne con un’istruzione maggiore, infatti, avevano punteggi più simili agli uomini e più alti delle donne con un basso livello di istruzione. Inoltre, percentuali più elevate di DPTS e punteggi più alti in tutti i domini del TALS-SR sono stati riscontrati fra gli assistenti sanitari e non fra gli infermieri, e fra i soggetti non laureati, ma non tra quelli con laurea.

Dallo studio (2018), comunque, emerge che questi risultati sono tutti abbastanza correlati: agli assistenti sanitari non è richiesta una laurea per svolgere le loro mansioni, di solito semplici e ripetitive, mentre per gli infermieri, dal 1994, è obbligatorio conseguire una laurea per svolgere il proprio lavoro.

Questo comporta che è più probabile che fra gli infermieri siano i giovani quelli con un’istruzione maggiore, e che comunque tutti siano più istruiti degli assistenti sanitari.

Formazione e istruzione come prevenzione del DPTS

La formazione e l’istruzione sono quindi due fattori molto importanti per la prevenzione del DPTS. L’interpretazione di tutti questi dati, però, deve tenere conto anche di alcuni importanti limiti di questa ricerca.

Quello più evidente è legato alla dimensione del campione, molto limitata, e alla mancanza di un gruppo di controllo di operatori sanitari che non lavorassero in reparti di emergenza. L’inserimento di un gruppo di controllo avrebbe portato a una migliore generalizzabilità dei dati.

Altri limiti sono: l’uso di soli strumenti self-report, per cui le risposte ai test sono tutte dettate dalla soggettività degli individui partecipanti, e la mancanza di informazioni sulla presenza di comorbidità psichiatriche Axis I, che potrebbero avere un impatto su alcune variabili esplorate, tra cui lavoro e funzionamento sociale.

Bibliografia

Carmassi, C., Gesi, C., Corsi, M., Cremone, I. M., Bertelloni, C. A., Massimetti, E., ... & Dell’Osso, L. (2018). Exploring PTSD in emergency operators of a major University Hospital in Italy: a preliminary report on the role of gender, age, and education. Annals of general psychiatry, 17(1), 17.

Tags: Approfondimenti, Stress lavoro correlato, Stress, PTSD - Disturbo Post-Traumatico da Stress

 

Istituto Miller - Istituto di Psicologia
Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

P.IVA 03378710101 - Tel. +39 010 5707062 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© 2014-2018 All rights reserved - Realizzazione sito Web di Made In Magic, Web Agency Milano