Che cos’è il Disturbo da disregolazione dell’umore dirompente

Che cos’è il Disturbo da disregolazione dell’umore dirompente DSM-5

Dott.ssa Alessandra Basso

Disturbi depressivi nei bambini

Molti studi epidemiologici riportati dal Ministero della Salute hanno stimato che il 2% dei bambini ha avuto almeno un episodio depressivo nel corso della vita, percentuale che arriva al 4-8% tra gli adolescenti; ma la nota più grave è che questo disturbo viene diagnosticato, e quindi trattato, solo nel 25% dei minori che ne soffrono. Questo dato è conseguenza del fatto che spesso gli adulti minimizzano il problema, lo ignorano, oppure del fatto che i clinici talvolta formulano diagnosi errate. 


Fino agli anni ‘80 era opinione comune che i disturbi depressivi fossero più frequenti negli adulti e molto rari nei bambini. Inoltre, le oscillazioni nell’umore, tristezza e irritabilità erano considerati come aspetti tipici dell’adolescenza, conseguenze dello sviluppo ormonale e del cambiamento di ruolo sociale.

Solo ultimamente si è assistito ad un incremento delle ricerche sulla depressione infantile che, ad oggi, è riconosciuta come un disturbo che può severamente compromettere il funzionamento dei bambini e degli adolescenti in molti ambiti della loro vita, come quello scolastico e relazionale. 


Una grande novità, che mostra la sempre maggiore attenzione che i clinici e la comunità scientifica hanno in merito, è stata l’introduzione di una nuova diagnosi nel DSM 5 (APA, 2013), rientrante tra i disturbi depressivi, tipica dell’età evolutiva. 
Questa è il “disturbo da disregolazione dell’umore dirompente” che si caratterizza essenzialmente per una cronica, grave e persistente irritabilità (in cui c’è una chiara componente legata all’umore), che si esprime principalmente attraverso due tipi di manifestazioni:

  • scoppi di collera verbali e comportamentali improvvisi contro cose e persone (danneggiamento di oggetti o proprietà altrui, aggressione fisica di coetanei, genitori, insegnanti ecc.), in risposta a una profonda frustrazione interna, con o senza cause scatenanti riconoscibili;
  • umore irritabile e “arrabbiato”, mantenuto in modo costante e persistente tra uno scoppio di collera e l'altro.

Il Disturbo da disregolazione dell’umore dirompente DSM-5 - il ruolo dei genitoriEmotività intensa e rabbia estrema

I bambini con disturbo da disregolazione dell’umore dirompente si trovano alle prese con un’emotività intensa e una rabbia estrema (verbale e comportamentale), che oltrepassa la loro capacità di gestione autonoma; sono pervasi da vissuti molto forti, di cui però non hanno chiara comprensione, in quanto la scarica è immediata e travolgente. Molto spesso, infatti, non hanno una definita percezione del loro vissuto e tendono a dare la colpa all’inadeguatezza e all’incapacità degli altri.

Si tratta di una nuova etichetta diagnostica che descrive, quindi, una possibile forma della depressione infantile, la quale si presenta con sintomi diversi e addirittura opposti alla sintomatologia dei disturbi depressivi dell’età adulta.

L’inserimento nel DSM 5 di questa nuova diagnosi, puntuale e precisa anche nella definizione, limita l’abuso delle diagnosi depressive in età evolutiva e ne migliora quindi i percorsi di cura.

I bambini che presentano questa sintomatologia possono sviluppare nel tempo disturbi depressivi propriamente detti, disturbi bipolari o disturbi d’ansia, ma possono anche non svilupparli.

Il disturbo da disregolazione dell’umore dirompente spesso si manifesta in bambini con una lunga storia di irritabilità cronica, i cui genitori ritengono che si possa trattare di temperamento o di “carattere”, sottovalutando il messaggio che, in ogni caso, porta con sé il comportamento dei loro figli.

Nell’assessment clinico e nella raccolta della storia di vita si rilevano, infatti, non di rado, numerosi segnali di allarme che precedono l’insorgenza di quadri clinici conclamati che sono stati però a lungo ignorati. Se un bambino si mostra costantemente irritabile e collerico in modo ingiustificato, deve essere richiesto un consulto medico specialistico per inquadrare le manifestazioni, verificarne il livello di gravità e, se necessario, avviare trattamenti mirati di tipo psico-comportamentale e/o farmacologico.

Trascurare questo disturbo può avere ripercussioni negative non soltanto sul benessere immediato del bambino, ma anche sul suo futuro, in quanto questo spesso ostacola l’apprendimento scolastico e la creazione di relazioni interpersonali e sociali soddisfacenti e produttive.

In aggiunta, intraprendere un trattamento fin dall’esordio aumenta le probabilità di esito favorevole e, non da ultimo, allevia la famiglia da un carico emotivo, tutelando anche il benessere di eventuali fratelli o sorelle.

Le cause del disturbo da disregolazione dell'umore dirompente

Il Disturbo da disregolazione dell’umore dirompente DSM-5 - la terapiaLe cause del disturbo da disregolazione dell'umore dirompente nei bambini sono ancora poco note: i bambini che ne soffrono mostrano difficoltà nell’elaborare e gestire gli stimoli emotivi negativi e le esperienze sociali nella quotidianità.

Per esempio, alcuni studi hanno mostrato che essi hanno problemi nell’interpretare i segnali sociali e le espressioni emotive degli altri: tendono a mal giudicare la manifestazione emotiva negativa degli altri, come i sentimenti di tristezza, paura e rabbia. Attraverso l’uso della risonanza magnetica alcuni studi hanno suggerito che è presente una scarsa attivazione dell’amigdala, l’area del cervello che gioca un ruolo fondamentale nell’interpretazione e nell’espressione delle emozioni.

Deficit di questo tipo potrebbero predisporre il bambino a rispondere con rabbia o aggressività anche per semplici provocazioni.

Diagnosi e cura con la Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Come si fa e soprattutto chi deve fare la diagnosi? Un primo ruolo centrale spetta al pediatra.

È importante che egli valuti che non ci siano malattie fisiche che, proprio come negli adulti, portano con sé sintomi depressivi. Il passo successivo è far fare un’osservazione del bambino ad uno psicoterapeuta e nel caso i sintomi siano particolarmente persistenti anche da un neuropsichiatra infantile, per permettere un inquadramento diagnostico più puntuale.


La depressione infantile e il disturbo da disregolazione dell’umore dirompente sono qualcosa che si cura con la psicoterapia: attualmente la terapia cognitivo-comportamentale è considerata la forma più efficace per ottenere risultati a breve e lungo termine e solo in alcuni casi è necessaria anche una terapia farmacologica.

Istituto Miller e il disturbo da disregolazione dell'umore dirompente

Istituto Miller, istituto di psicologia e psicoterapia cognitivo comportamentale, ha un'area clinica composta da numerosi Psicoterapeuti, ognuno dei quali con precipue specializzazioni per il trattamento di ogni tipologia di disturbo psicologico. Per avere informazioni di dettaglio, è possibile inviare un messaggio tramite il form sottostante, oppure tramite la nostra pagina dei contatti.


Form di contatto per richiesta informazioni

Nome e Cognome(*)
Per piacere, scrivi Nome e Cognome

Telefono(*)
Valore non valido

E-mail(*)
Campo obbligatorio

Sono interessato a(*)

Campo obbligatorio

Il tuo messaggio(*)
Campo obbligatorio

Privacy(*)
Campo obbligatorio

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.L. 196/2003.

Antispam(*)
Antispam
Valore non valido

Tags: Approfondimenti, Depressione, Età Evolutiva

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin
Pin It

 

Istituto Miller - Istituto e Scuola di Psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale
P.IVA 03378710101 - Tel. +39 010 5707062 - Fax +39 010 8680904 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Built with HTML5 and CSS3 Copyright © 2014 Made In Magic, Web Agency Milano

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.